Messico, guerra tra narcos e polizia: 43 morti in una sparatoria

Violento scontro a fuoco a Tanhuato, nello Stato di Michoacan: la costa pacifica è in mano ai trafficanti

Il nord dello stato di Michoacan (nel centro del paese, sulla costa pacifica) è oramai un territorio preda di una vera e propria guerra tra bande di narcotrafficanti criminali e la polizia: venerdì mattina a Tinaja de Vargas, paesino del comune di Tanhuato, sulla frontiera fra Michoacan e Jalisco, una sparatoria violentissima ha provocato la morte di 43 persone, tra cui un agente di polizia.

Secondo la ricostruzione dei fatti fornita dal governatore dello Stato il clima si è improvvisamente surriscaldato quando agenti federali hanno notato un veicolo sospetto su una strada statale: seguendo il veicolo gli agenti si sarebbero imbattuti in un gruppo di civili armati, che li hanno immediatamente attaccati a colpi di arma da fuoco. I poliziotti hanno chiesto rinforzi e si è scatenata una sparatoria che è durata circa 40 minuti.

Alcuni organi di stampa locali parlano di 46 morti, tra cui 2 poliziotti, e lo stesso governatore Salvador Jara ha specificato come non sia ancora ufficiale la conta delle vittime rimaste a terra dopo i 40 minuti infernali di scontro a fuoco: sarebbero almeno 43 le vittime ma il numero, ha spiegato il politico, potrebbe ulteriormente salire: secondo il governatore i civili armati che hanno attaccato i federali appartengano al cartello Jalisco Nueva Generacion, uno dei cartelli più in ascesa nei tempi recenti.

MEXICO-CRIME-VIOLENCE

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail