Lecco: uccise le figlie a coltellate, madre assolta per vizio totale di mente

Il Gup di Lecco: la donna che a marzo 2014 uccise le sue tre bimbe passerà 10 anni in una struttura psichiatrica.

madre assolta lecco

Uccise le sue bimbe di 13, 10 e 3 anni a Lecco, oggi la donna è stata assolta dal giudice per l'udienza preliminare (gup) per vizio di mente ma dovrà stare comunque dieci anni in una struttura psichiatrico-giudiziaria.

La madre delle bambine secondo il giudice era del tutto incapace di intendere e volere quando commise il triplice omicidio a marzo del 2014, quindi non è in sostanza imputabile, da qui l'assoluzione.

Edlira Copa, 38enne di nazionalità albanese, uccise le tre bambine a coltellate ma "per vizio totale di mente" nel proceso svoltosi con rito abbreviato scamperà alla condanna e quindi al carcere. A suo carico solo la misura di sicurezza della permanenza nella struttura psichiatrico-giudiziaria.

In aula c'erano stamattina il pubblico ministero di Lecco, titolare dell'inchiesta, Silvia Zannini e il legale della donna Andrea Spreafico. L'imputata, che già da tempo si trova in una struttura psichiatrico-giudiziaria non era presente.

Il giudice ha letto il dispositivo della sentenza dopo essersi ritirato per circa trenta minuti alla fine del dibattimento. Le motivazioni verdetto non saranno note prima di un paio di settimane.

La tragedia avvenne nella prime ore del mattino del 9 marzo dell'anno scorso in un appartamento di 60 metri quadri al secondo piano di uno stabile in corso Bergamo a Lecco. Edlira Copa si stava separando da marito, in casa vivevano le sue tre bambine, uccise a coltellate in stanze diverse.

I loro corpicini senza vita vennero poi messi dalla madre sul letto matrimoniale. Dopo la strage, la donna tentò il suicidio prima di andare a bussare a un vicino che diede l'allarme.

  • shares
  • Mail