Sibari, scoperti 175 falsi braccianti: truffa da 700mila euro all'Inps

I falsi braccianti hanno percepito indebitamente le indennità INPS per 15mila giornate lavorative fittizie.

Truffa INPS Sibari

Una presunta maxi truffa all'Inps è stata scoperta nel Cosentino dalla Guardia di finanza di Sibari che ha denunciato 175 falsi braccianti e uno pseudo imprenditore agricolo.

La truffa secondo i calcoli delle Fiamme Gialle è costata alle casse Inps ben 700mila euro, con i falsi braccianti che hanno percepito illecitamente le indennità dell'istituto nazionale di previdenza.

Secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Procura di Castrovillari (Cs) il sedicente imprenditore denunciato si avvaleva di falsi documenti di proprietà di terreni con conseguente assunzione di operai per più 15mila giornate lavorative.

In realtà si trattava di contratti di fitto e comodato di terreni agricoli, appezzamenti di cui l'uomo non poteva disporre sia perché non di proprietà sia perché non idonei per caratteristiche colturali e tipologia all’uso della manodopera dichiarata all’Inps per l’assunzione di operai agricoli a tempo determinato.

In dettaglio l'Inps ha erogato a favore dei falsi braccianti 156 indennità per disoccupazione agricola, 89 indennità per malattia e 14 per maternità, il tutto per complessivi 527.000 euro. Inoltre è stato omesso di di versare nelle casse dello Stato contributi previdenziali per oltre 175.000 euro.

  • shares
  • Mail