Ravenna, la Digos ferma un presunto foreign fighter dell'Isis

Ma c'è il dubbio se fosse un jihadista pronto a partire o di ritorno in Europa.

SYRIA-CONFLICT-KURDS-IS

La Digos di Ravenna ha bloccato uno straniero sospettato di essere un foreign fighter cioè uno dei 3.000 cittadini europei che si sarebbero uniti agli jihadisti dell’Isis. L’uomo era controllato da tempo dalle forze dell'ordine, ma non è chiaro se stesse per arruolarsi nelle milizie Isis o se avesse avuto già un ruolo attivo nei conflitti in corso in Africa e Medio Oriente.

Il dubbio, insomma, è se si tratti di un jihadista pronto a partire o di ritorno. La seconda opzione, ovviamente, è la peggiore, dal momento che i filtri approntati per evitare che i foreign fighter possano fare ritorno nei paesi d'origine sono uno degli aspetti più importanti in questo periodo, dopo gli attentati messi a segno da cittadini europei addestrati in Siria e tornati nel continente per compiere atti di terrorismo.

Ma chi sono i foreign fighters? Si tratta di combattenti che si uniscono alle fila dello Stato Islamico in Siria e in Iraq, circa 3mila dei quali provenienti dall'Europa e che spaventano le intelligence di tutto l'occidente per le azioni che potrebbero mettere in campo una volta fatto ritorno a casa. Per questo motivo il governo ha messo a punto delle norme più severe nel campo del terrorismo internazionale: misure per inasprire le pene contro i singoli soggetti che vanno a combattere nei teatri di guerra, e per estendere le misure di prevenzione, le stesse adottate per i mafiosi, nei confronti di chi mostra posizioni particolarmente radicali.

I foreign fighters italiani sono 53 - questo è il numero stimato dalla intelligence -, ma per "italiani" si intendono immigrati, come anche persone che sono state individuate "di passaggio" in Italia. Quello che invece ormai appare certo è che tra questi 53 ci sono anche quattro italiani. Due dei quali sono Giuliano Delnevo, morto lo scorso anno in Siria ed un giovane marocchino naturalizzato italiano che si trova attualmente in un altro Paese.

  • shares
  • Mail