Accusa connazionale di averla stuprata: confessa la verità dopo 37 giorni

violenza sessualePrimo rapporto sessuale a 14 anni, poi il timore che i suoi genitori venissero a saperlo. Così un'adolescente romena residente a Torino ha deciso di inventare una storia di stupro, accusando il fidanzato 24enne di averla costretta con un coltello a salire in macchina, averla portato in un luogo appartato ed aver abusato di lei.

Così Mihail Lucian Andrei, camionista romeno di 24 anni residente a Leinì, vicino Torino, il 16 ottobre scorso è stato arrestato e incarcerato dopo la segnalazione della sua connazionale, che non ha avuto alcun rimorso a vederlo finire dietro le sbarre.

Il giovane ha sempre ribadito la sua innocenza e il suo avvocato, Antonio Genovese, sin dal giorno dell'arresto ha fatto di tutto per approfondire e chiarire il racconto della presunta vittima.

Numerosi erano infatti i punti oscuri e ieri mattina, di fronte al sostituto procuratore Alessandro Sutera Sardo, la giovane accusatrice non è riuscita a sostenere fermamente le dichiarazioni rilasciate in precedenza: è scoppiata in lacrime ed ha confessato di essere inventata tutto.

Ha ammesso di aver mentito per il timore che i suoi genitori la giudicassero male perchè a soli 14 anni aveva già avuto un rapporto sessuale completo. Chissà cosa pensano di lei ora...

Via | CronacaQui

  • shares
  • Mail