Palermo: tenta di costringere la moglie a lanciarsi nel vuoto, arrestato

"Adesso basta, facciamola finita lanciandoci nel vuoto da Monte Pellegrino" aveva detto l'arrestato alla moglie.

tenatto omicidio suicidio con moglie palermo

Voleva suicidarsi gettandosi da un ponte ma con lui voleva che lo facesse anche la moglie. Un uomo di 40 anni è stato arrestato oggi a Palermo con le accuse di violenza, minacce di morte e stalking.

Adesso basta, la facciamo finita lanciandoci nel vuoto da Monte Pellegrino

avrebbe detto l'uomo alla consorte a cui aveva impedito di chiedere aiuto con il cellulare. L'arrestato stamattina si era diretto con la sua auto, in compagnia della moglie, verso i tornanti che portano alla montagna sopra Palermo.

Sono state le grida di disperazione della donna ad attirare l'attenzione di un motociclista che ha immediatamente chiamato 113, avvisando la polizia di quel che aveva visto.

Poco dopo gli agenti sono giunti sul posto impedendo la probabile tragedia e stringendo le manette ai polsi del 40enne. L’automobile della coppia era ferma all’altezza della Piazza Simon Bolivar: l’uomo era sceso, mentre la donna era ancora dentro la vettura, visibilmente impaurita e agitata.

Lei stessa ha poi raccontato agli investigatori l'omicidio-suicidio che il marito avrebbe voluto perpetrare. Secondo quanto riferito dalla donna, il rapporto con il marito si era ormai rotto, i problemi erano iniziati da quando l'uomo aveva dovuto trasferirsi nel nord Italia per lavoro, cosa che lo aveva reso ossessivamente geloso nei confronti della moglie.

Mi telefonava in continuazione e nei giorni in cui faceva rientro a casa, mi faceva scenate o mi pedinava

avrebbe detto la donna agli agenti. Il gip ha già convalidato l'arresto dell'uomo che è stato processato per direttissima.

  • shares
  • Mail