Recuperato dalla Marina Militare il peschereccio italiano sequestrato questa notte

Il sequestro del motopesca Airone era avvenuto a 40 km di distanza dalla costa di Misurata

A scallop trawler sails off the fishing

ore 12.13 - La Marina Militare ha appena retwettato il tweet con cui il portavoce del ministero della Difesa, Andrea Armaro, ha annunciato il recupero, da parte della Marina Militare, del peschereccio Airone sequestrato questa notte.


ore 10.22 - Un peschereccio siciliano è stato attaccato e sequestrato da uomini armati che lo hanno abbordato con un grosso rimorchiatore, secondo le prime informazioni senza contrassegni militari. Allo stato attuale dello cose tutto lascia pensare a un atto di pirateria.

Il motopesca Airone di Mazara del Vallo (Trapani) si trovava a circa 40 miglia dalla costa libica di Misurata quando è stato dirottato. A dare l’allarme alla Guardia Costiera è stato l’equipaggio di un'altra imbarcazione che si trovava nella stessa zona.

A bordo del peschereccio sette marinai: 3 siciliani e 4 tunisini. Secondo le prime informazioni il sequestro è avvenuto intorno alle 3.30 di questa notte.

Secondo Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto per la pesca Cosvap, si tratta di una motovedetta di militari di Tripoli, una tesi che contrasta con le prime informazioni giunte che, come detto, non segnalavano la presenza di contrassegni militari.

Nelle ultime ore le autorità marittime – vista l’incandescente situazione dei flussi migratori dal Nord Africa – hanno lanciato numerosi appelli a non pescare in acque internazionali.

In aggiornamento

Via | Agi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail