Varese, uccide a coltellate la moglie e tenta il suicidio

L’uomo si inflitto diverse coltellate, ma non è riuscito a uccidersi. La consorte è morta sul colpo.

Ennesimo femminicidio nel giro di pochi giorni, l’ennesimo caso di un uomo che non riusciva a rassegnarsi alla fine del proprio matrimonio e ha commesso il più atroce degli atti: ha ucciso a coltellate la moglie e ha tentato di togliersi la vita.

E’ accaduto ieri mattina a Gerenzano, in provincia di Varese. Francesca La Pera, 39 anni, aveva lasciato ormai da giorni la casa di famiglia e ieri, intorno alle 11, si è recata nell’abitazione del marito, il muratore 43enne Angelo Barberio, per recuperare le ultime cose, accompagnata dalla figlia 15enne.

Dalla discussione alla lite il passo è stato breve e in pochi istanti, secondo quanto ricostruito, Barberio ha afferrato un coltello da cucina e si è avventato sulla consorte e l’ha uccisa con più fendenti, mentre la figlia adolescente era in un’altra stanza.

Subito dopo il delitto, mentre la giovane figlia lanciava l’allarme, l’uomo si è chiuso in bagno e ha tentato di uccidersi infliggendosi diverse coltellate, ma l’intervento dei sanitari del 118 e delle forze dell’ordine ha evitato il peggio.

Barberio è stato trasferito all’ospedale di Monza e sottoposto a un intervento chirurgico: ora si trova ancora ricoverato, non in pericolo di vita.

Del caso si stanno occupando gli uomini del nucleo operativo radiomobile guidato dal Maresciallo Salvatore Carrà e parte della compagnia dei Carabinieri di Saronno guidati dal capitano Giuseppe Regina, con il Pubblico Ministero Nicola Rossato.

agente  spara ladro monza

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail