Strage di Erba. Nessun pentimento dai coniugi Romano

Olindo RomanoNessun pentimento: Olindo Romano ha rilasciato la sua dichiarazione spontanea e di sentimenti umani neanche l'ombra. Sembra che non gl'interessi niente delle vittime, dell'orrore del massacro di Erba. Proprio con «Niente» esordisce. E vuoto è stato il suo discorso:

«Niente, ho tralasciato argomenti che vorrei concludere oggi. Tre argomenti: il professor Picozzi, la Bibbia in carcere e gli psichiatri. Niente, su Picozzi voglio dire che era venuto in carcere per farci una perizia psichiatrica. L’aveva mandato l’avvocato di prima, Troiano. Quando arrivò, mi chiese di poter riprendere il colloquio con una videocamera. Una di quelle piccole. Gli dissi che però quel video non doveva andare a finire né sui giornali, né in televisione e lui mi disse che l’avrebbe usato soltanto lui. Ecco, volevo puntualizzare questa cosa. Sulla Bibbia, volevo dire che si posiziona in un contesto in cui io avevo appena fatto una confessione in cui mi ero dichiarato pentito. Di conseguenza, i miei scritti erano in linea con il pentimento. È vero che alcuni scritti sono stati scritti con una punta di rabbia, ma era un modo per sfogarmi. Non erano fatti con risentimento. Non volevo rivendicare proprio nulla. Erano solo uno sfogo e un passatempo, visto che in carcere non si fa mai nulla. Il terzo argomento sono gli psicologi. Me ne hanno cambiati tre e con tutti e tre e ho avuto 50, 60 incontri ma con loro ho sempre parlato solo della terapia, mai dei fatti. Dei fatti ho parlato solo con la psicologa Graziella Mercanti. Di questo e di altri fatti, ma con gli psichiatri solo della terapia.Questi sono gli argomenti che l’altra volta mi sono dimenticato di dire a causa dei miei vuoti di memoria. Mi fermo qui».

Una serie di parole che nulla aggiunge, e da cui soprattutto non trapela umanità alcuna. Ieri intanto le parti civili hanno chiesto risarcimenti: l’avvocato di Azouz Marzouk, Roberto Tropenscovino, oltre 2 milioni di euro; Manuel Gabrielli, legale di fiducia della famiglia Frigerio invece ha chiesto alla Corte di mettere in conto una provvisionale immediatamente esecutiva di 320mila euro, per affrontare le spese mediche costosissime a cui Mario Frigerio è sottoposto e costretto. Ma i Romano, a parte la casa non hanno niente. Chi risarcirà le famiglie delle vittime? La risposta purtroppo è: nessuno, probabilmente.

Via | Strage di Erba

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: