Isola Capo Rizzuto: presunto boss ucciso in un agguato

Fiore Gentile, considerato elemento di rilievo della cosca Arena di Isola, era stato condannato nel processo Ghibli contro la 'ndrangheta del crotonese. Riesplode la guerra tra clan?

Omicidio a Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone, dove Fiore Gentile, di 54 anni, è stato ucciso in un agguato con diversi colpi di arma da fuoco alla testa e al petto.

Il cadavere dell'uomo, ritenuto dagli inquirenti un boss della 'ndrangheta crotonese, della cosca Arena, è stato trovato stamattina in una zona di campagna, in località Ovile spinoso. A scoprire il corpo due uomini che si stavano recando verso alcuni terreni di loro proprietà.

Scattato l'allarme sul posto sono accorsi i carabinieri del comando provinciale di Crotone che hanno avviato le indagini. La vittima era uscita di casa ieri pomeriggio senza fare più ritorno, l'agguato mortale si sarebbe consumato in serata.

Gentile era stato condannato nel processo Ghibli contro i clan di Isola Capo Rizzuto. L'uomo aveva preso 10 anni di reclusione per associazione mafiosa ma la condanna era stata poi capovolta in appello e successivamente annullata con rinvio dalla Corte di Cassazione, giusto qualche settimana fa.

Fiore Gentile era stato già condannato pure per un omicidio avvenuto a Isola Capo Rizzuto l'undici dicembre del 2004, quello di Pasquale Nicoscia. Delitto che secondo gli inquirenti dell'antimafia era scaturito nell'ambito della guerra di 'ndrangheta tra i clan Arena e Nicoscia, come ricorda il Quotidiano della Calabria.

Gentile aveva preso 22 anni di carcere ma anche in quell'occasione la sentenza fu ribaltata nel secondo grado di giudizio, questa volta però senza nessun rinvio successivo e nuovo processo d'appello.

Omicidio boss isola capo rizzuto

  • shares
  • Mail