Imperia, carabiniere accusato di stupro si suicida a casa della donna che lo accusò

La Cassazione aveva confermato la condanna in appello nei suoi confronti a sette anni e mezzo di reclusione per violenza sessuale.

Si è presentato davanti la casa di una delle tre donne che lo aveva accusato di stupro, ha estratto la pistola, una calibro 38 regolarmente detenuta, e si è suicidato. E'successo a Vallecrosia, in provincia di Imperia. L'uomo, Edoardo Milani, ex maresciallo dei carabinieri di 55 anni, era stato sospeso dall'incarico dopo essere stato travolto dalle accuse di violenza sessuale.

Proprio ieri la Cassazione aveva confermato la condanna in appello nei suoi confronti a sette anni e mezzo di reclusione per violenza sessuale.  Sul posto sono intervenuti i carabinieri e i sanitari del 118. Il fatto è accaduto poco dopo le 11 di questa mattina.

L'ex carabiniere era stato condannato nel 2014 dalla seconda sezione Penale della Corte di Appello di Genova a 7 anni e 6 mesi, lo scorso aprile, per aver abusato di tre donne, in cinque episodi distinti, nel periodo a cavallo tra il 2005 e il 2008, quattro dei quali in caserma. In primo grado, il tribunale collegiale di Sanremo lo condannò a 2 anni e 4 mesi. Milani era accusato di violenza sessuale e violenza privata, oltre che di accesso indebito alla banca dati informatica, ma per quest’ultimo capo di imputazione venne assolto, perchè il fatto non sussiste.

Carabinieri Padova

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail