Capoverde: Imprenditore italiano trovato morto con una ferita alla testa

Pianatanesi

Mirco Pietanesi (54 anni) imprenditore di Recanati, è stato trovato morto con una ferita alla testa nell’isola di San Nicolao, a Capo Verde. Le cause del decesso, per ora, rimangono un mistero.

La tragica notizia, anticipata dal Corriere Adriatico, è stata accolta con incredulità a Recanati. Qui Pietanesi era noto per aver diretto un'azienda, a Villa Musone, che si occupava della lavorazione dell'argento. L'impresa aveva chiuso chiusa con il sopraggiungere della crisi economica.

Successivamente, l'imprenditore si era trasferito a Capoverde, dove ha dato vita ad una nuova attività: un centro di pesca sportiva. Occasione, questa, per dedicarsi alla sua grande passione.

Secondo i media isolani, l'uomo, che di recente aveva sofferto di problemi di salute, è stato trovato morto in casa con un evidente taglio sulla testa. Sabato sera scorso, i suoi amici hanno intuito che qualcosa non andava perché l'imprenditore non si era presentato ad una cena dove era molto atteso. Così hanno deciso di andare a cercarlo nella sua abitazione. Dopo vari tentativi al campanello e molte telefonate sul cellulare, hanno scelto di rompere il vetro di una finestra ed entrare. Il corpo dell'imprenditore era a terra in un lago di sangue.

Per le autorità locali, non sarebbe stata trovata nessuna prova di reato e rendono noto che è stata disposta l'autopsia sul cadavere. I risultati dovrebero arrivare molto presto. Le modalità del decesso non possono far escludere nessuna pista.

L'ultima volta che Pietanesi aveva postato qualcosa sulla sua pagina Facebook risale al 14 febbraio scorso. La sua attività sul social descrive una vita serena, tutta dedita alla pesca.

Cover Foto | Facebook

  • shares
  • Mail