Tratta di trans tra Argentina e Italia: 11 arresti. Ragazzi costretti a operarsi

I ragazzi, reclutati in Sudamerica, venivano costretti a prendere ormoni e a sottoporsi a interventi di chirurgia plastica, poi venivano portati in Italia per farli prostituire.

I carabinieri del nucleo investigativo di Frascati hanno arrestato 11 persone che facevano parte di una vera e propria banda internazionale dedita alla tratta di trans, giovani sudamericani reclutati in Argentina e poi, una volta "pronti", portati in Italia dopo uno scalo a Parigi.

Che cosa significa "pronti"? Be' che i ragazzi venivano portati presso una struttura a Buenos Aires e lì sottoposti a cure di ormoni con l'aiuto di medici compiacenti. Quelli più promettenti venivano anche sottoposti a operazioni di chirurgia plastica. I ragazzi venivano avviati alla prostituzione già in Argentina e poi i migliori venivano trasferiti in Italia, partivano con la "borsa da viaggio", ossia il biglietto aereo di sola andata, i recapiti che servivano quando sarebbero arrivati a destinazione e i soldi per le prime spese. Arrivavano a Parigi e da lì in Italia dove ad attenderli trovavano un referente che ritirava quello che restava della "borsa da viaggio" e prendeva il passaporto, in modo da impedire ai trans di andarsene volontariamente o di essere indipendenti.

I trans venivano poi costretti a prostituirsi a Roma e sul litorale romano e sottoposti a torture fisiche e psicologiche nel caso in cui provassero a ribellarsi. Uno di loro, che viveva a Pomezia, si è suicidato lanciandosi dal balcone. Inoltre veniva loro fornita la droga che dovevano consumare con i clienti.

Il capo di questa crudele organizzazione criminale si fa chiamare "Mamà". L'operazione dei carabinieri è ancora in corso e sta richiedendo l'impiego di un centinaio di militari tra le province di Roma e Ascoli Piceno. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari della Capitale su richiesta della Direzione distrettuale antimafia.

L'albergo in cui i ragazzi (circa 30-40 contemporaneamente) venivano tenuti in Argentina si chiama Hotel Gondolin e compare in un documentario che viene citato nell'ordinanza e che potete vedere nel video in apertura di questo articolo ed è anche il titolo di un film del 2005 di Fernando López Escrivá del 2005.

Tratta di trans tra Argentina e Italia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail