L'Aquila: arrestato imprenditore per rapporti con ex boss dei Casalesi

Arrestato Raffaele Cilindro, imprenditore impegnato nella ricostruzione post terremoto all'Aquila. Era amico di Michele Zagaria, ex boss dei Casalesi.

Manette ai polsi di Raffaele Cilindro imprenditore edile impegnato negli appalti per la ricostruzione post terremoto a L'Aquila. Secondo gli inquirenti, aveva contatti con l'ex boss dei Casalesi, Michele Zagaria. L'arresto è scattato nell'ambito di un'inchiesta della Direzione distrettuale di Napoli.

Sono stati i carabinieri del Ros a eseguire l'operazione. A coordinare l'indagine i pm Sirignano e Giordano. Già nel giugno 2014, e sempre relativamente alla stessa inchiesta, furono arrestati Alfonso Di Tella e altri uomini vicini al clan dei Casalesi: sette persone in tutto. Fu la Finanza, allora, a entrare in azione con i suoi uomini.

Di Tella, in particolare, venne intercettato mentre, parlando del comportamento di Nobis al Casinò di Venezia, disse: "Sta facendo macelli", spiegando poi di avere in tasca una disponibilità di 50 mila euro in fiches. All'altro capo del telefono c'è proprio Raffaele Cilindro. Di Tella, in quei mesi, chiede soldi ripetutamente al costruttore. E lo incontra personalmente a L'Aquila.

Cilindro non è un personaggio qualunque. Tutt'altro. E' l'autista di Pasquale Zagaria, altro elemento di spicco del clan camorristico dei Casalesi. Poco meno di un mese fa, da una relazione della DDA dell'Aquila era emersa la presenza di organizzazioni mafiose e di associazioni criminali straniere che erano entrate nel business della ricostruzione post - sisma.

L'Aquila

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail