Milionario pluriomicida arrestato dopo confessione in tv [VIDEO]

Robert Durst era sospettato per tre omicidi compiuti fra il 1982 e il 2003. La confessione è arrivata nel fuorionda di un’intervista

Per trent’anni Robert Durst, 71enne erede di una dinastia immobiliare di New York, ha negato di essere stato l’autore dei tre omicidi a lui attribuiti. Ciò che non è riuscito alla magistratura e non è avvenuto nelle aule di tribunale, è accaduto davanti alla telecamere. Il milionario statunitense si è confessato involontariamente, pensando che le telecamere fossero spente e le sue parole non fossero registrate: “Che diavolo ho fatto? Li ho uccisi tutti” ha detto l’uomo.

Durst è finito in manette mentre si trovava in un hotel di New Orleans. Proprio di recente il canale HBO ha trasmesso una miniserie sulla sua vita dal titolo The Jinx, The Life and Deaths of Robert Durst. Il mandato di cattura emesso a Los Angeles parla di nuove prove in merito al suo coinvolgimento nell’omicidio della giornalista Susan Berman. La donna era amica di Durst e potrebbe essere stata uccisa prima che si recasse dagli investigatori per riferire loro ciò che sapeva riguardo alla scomparsa di Kathleen McCormack, la moglie del milionario protagonista di un caso irrisolto di cui Durst è stato l’unico sospettato dal lontano 1982.

Oltre all’omicidio della moglie e dell’amica giornalista, nel 2001 Durst uccise anche il vicino di casa Morris Black. In quel periodo Durst si trovava a Galveston, in Texas, e viveva travestito da donna per sfuggire al morboso interesse dei media per la sua vicenda. Dopo l’omicidio di Black tentò la fuga, fu catturato e nel processo ammise di avere ucciso Black per legittima difesa e averne smembrato il corpo perché preso dal panico.

Questa linea difensiva fu accolta dalla giuria texana e il milionario riuscì a patteggiare una pena di cinque anni, per poi trovarsi libero sulla parola l’anno dopo
Ora, la confessione involontaria carpita dalle telecamere prima che venisse trasmessa l’ultima puntata del documentario sulla sua vita, potrebbe portare Durst alla pena di morte. Il suo avvocato ha dichiarato che le frasi pronunciate nel fuorionda non volevano dire nulla, mentre il fratello Douglas ha detto che l’uomo “dovrà rispondere per quel che ha fatto”.

Deliberations Resume In Durst Trial

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail