Verona, uccide padre e figlio a colpi di pistola: arrestato

L'uomo è stato prontamente arrestato poco dopo il duplice omicidio.

Omicidio suicidio massa lombarda

13.10 - Col passare delle ore la dinamica del duplice omicidio di questa mattina si è chiarita. Secondo quanto emerso dalle indagini, il 54enne Alfonso Manzo, originario di Torre del Greco, ha ucciso a colpi di pistola il 48enne Martino Mazza e suo figlio Pietro, di 25 anni, per la somma di 6 mila euro che sosteneva di dover ricevere dalle due vittime.

I tre, lo hanno ricostruito i carabinieri di Verona, si erano incontrati ieri sera per tentare di chiarire la questione. Padre e figlio si erano recati a casa di Manzo, a Buttapietra, e questa mattina, intorno alle 8, sarebbero tornati dal 54enne per un nuovo chiarimento.

La discussione che si è generata si è tramutata ben presto in tragedia quando Manzo, sempre secondo una prima ricostruzione, avrebbe estratto la pistola ed esploso una decina di colpi contro i due, uccidendoli all’istante. La sparatoria è avvenuta nel corso di una colluttazione che ha visto Manzo ferito con una coltellate alla guancia.

Le indagini e i rilievi della scientifica proseguono.

10.00 - Duplice omicidio a Buttapietra, piccolo comune in provincia di Verona, dove questa mattina un uomo e suo figlio sono stati uccisi a colpi di pistola da un uomo - la cui identità non è stata ancora resa nota - prontamente arrestato dai carabinieri.

I primi dettagli parlano di una vera e propria esecuzione: l’assassino si sarebbe appostato davanti all’abitazione delle due vittime in attesa che uscissero. Quando i due hanno varcato la soglia, l’uomo ha aperto il fuoco uccidendoli entrambi sul colpo.

A lanciare l’allarme sono stati i vicini di casa delle due vittime, allertati dai colpi di pistola.

Maggiori dettagli saranno diffusi nelle prossime ore.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail