Mafia a Roma: sequestrati due ristoranti

Blitz anti mafia a Roma: chiusi due noti ristoranti del centro, arrestato il titolare calabrese.

La Direzione Investigativa Antimafia ha sequestrato due ristoranti, a Roma, nella centralissima via dei Pastini, vicino al Pantheon. In manette il proprietario, un 47 enne calabrese, ritenuto responsabile insieme ad altri di "intestazione fittizia di beni". Il valore dei beni è di circa 10 milioni di euro. Sono in corso diverse perquisizioni nelle abitazioni di altri indagati, tra cui familiari e dipendenti dell'arrestato.

Il sequestro preventivo dei beni è stato disposto dal Gip. I due locali sono "La rotonda" ed "Er faciolaro". Il proprietario, Salvatore Lania, è originario di Seminara, in provincia di Reggio Calabria. I due ristoranti erano frequentatissimi, in particolare dai turisti. Si sospetta che dietro a Lania ci sia la malavita calabrese, che ha allungato i suoi tentacoli sulla capitale.

Lania, di professione imprenditore, sarebbe infatti molto vicino a boss della 'ndrangheta. La Dia fa sapere che le indagini sono state lunghe. Ma hanno dato i loro frutti, con l'arresto di questa mattina. Non è escluso che dalle perquisizioni attualmente in corso venga fuori qualche altro reato. La commistione tra Roma e la criminalità organizzata, evidentemente, continua a mietere vittime.

I due ristoranti, è probabile, dovevano servire per riciclare denaro sporco. E per finanziare, allo stesso tempo, attività illecite da parte dei soggetti coinvolti.

Er Faciolaro

  • shares
  • Mail