Omicidio Massimo Pappalardo, arrestato in Francia il presunto assassino

Omicidio Massimo Pappalardo a Paternò: dopo diversi mesi, arrestato in Francia il rivale in amore

cadavere carbonizzato paternò

È stato arrestato in Francia, nei dintorni di Parigi, un uomo italiano di 45 anni ritenuto il responsabile dell'omicidio di Massimo Pappalardo. Il 32enne fu trovato senza vita a marzo, a Paternò (Catania).

Di oggi la notizia dell'arresto di I.S.: l'uomo sarebbe stato il suo rivale in amore e avrebbe ucciso Pappalardo; il cadavere era stato ritrovato carbonizzato in un'auto gettata in un dirupo.

L'arresto è avvenuto per mano dei Carabinieri, con la collaborazione della polizia francese.

Paternò (Catania): trovato cadavere carbonizzato


9 marzo 2015

Il cadavere carbonizzato di un uomo è stato trovato a Paternò, in provincia di Catania. A fare la macabra scoperta i militari dell'Arma dei carabinieri a in contrada Monaco. Il corpo era dentro una Toyota Aygo caduta in una scarpata.

Il cadavere apparterrebbe secondo chi indaga a Massimo Pappalardo, 32enne di Valverde (CT), senza precedenti penali di nessun tipo. Il ritrovamento del cadavere è avvenuto ieri mattina ma solo oggi è stata resa nota la notizia.

Pappalardo sarebbe stato ucciso, in carabinieri indagano per omicidio, privilegiando l'ipotesi di un delitto passionale. L'uomo, secondo gli investigatori, aveva una relazione con una donna separata.

Il cadavere era adagiato sui sedili posteriore dell'Aygo. Secondo i carabinieri l'uomo potrebbe essere stato ucciso in un altro luogo ma l'omicidio potrebbe anche essere la conseguenza di una lite scoppiata lì durante un chiarimento.

Dopo la sua uccisione l'auto di Pappalardo sarebbe stata lanciata nel dirupo e quindi cosparsa di liquido infiammabile, una tanica è stata trovata a due passi dalla vettura.

Delle indagini si occupano i carabinieri del comando provinciale di Catania e della compagnia di Paternò oltre alla squadra scientifica che ha eseguito i rilievi, mentre si attendono gli esiti degli esami autoptici, disposti dal magistrato di turno. L'inchiesta è coordinata della procura della Repubblica di Catania.

  • shares
  • Mail