California, donna armata di coltelli uccisa dalla polizia ad Anaheim

Secondo molti testimoni l'azione degli agenti è stata eccessiva, la vittima aveva aggredito un'altra donna poco prima.

Una donna è stata uccisa dalla polizia di Anaheim, in California, nella serata di domenica. Secondo le prime ricostruzioni gli agenti erano stati allertati da una telefonata al 911 che segnalava un litigio in una lavanderia a gettoni. Arrivati sul posto hanno trovato una donna che riportava ferite da arma da taglio, le sue condizioni non destano alcuna preoccupazione, si sono così messi sulle tracce di un'altra donna che è stata rintracciata in un appartamento della zona. La polizia ha intimato alla presunta colpevole dell'aggressione di uscire dalla casa, per i primi trenta minuti gli appelli non hanno sortito nessun effetto.

Quello che accade dopo è poco chiaro. Seconda la versione della polizia la donna è uscita armata di due coltelli e si è rifiutata di lasciarli cadere in terra, poi sono stati esplosi alcuni colpi dagli agenti che hanno raggiunto la presunta assalitrice, caricata in ambulanza è stata dichiarata morta al suo arrivo all'ospedale. Sulla scena del delitto c'erano molti testimoni, in quella che è una zona molto popolare della città, molti concordano sul fatto che la decisione di aprire il fuoco da parte della polizia sia stata eccessiva. Sul posto erano intervenuti molti agenti armati, di fronte avevano una donna che al massimo brandiva dei coltelli, e anche questo è da verificare visto che alcuni testimoni hanno riferito di non aver visto niente nella sue mani. Molte delle persone residenti nella zona hanno detto di conoscerla soltanto di vista, avendola notata in giro con il suo cane.

Il procuratore distrettuale di Orange County ha aperto un'inchiesta per far luce sull'accaduto. Non sono state diffuse le generalità della vittima, si sa solo che dovrebbe trattarsi di una donna sulla quarantina. Molti agenti intervenuti erano dotati di telecamere, i filmati saranno visionati per appurare eventuali responsabilità della polizia locale, già accusata in passato per altri episodi caratterizzati dall'uso sproporzionato della forza. La vicenda potrebbe sollevare una nuova ondata di pesanti proteste, solo due giorni fa un diciannovenne era stato ucciso a Madison, nel Wisconsin. Ora in California si conta un'altra vittima e i modi delle forze dell'ordine americane finiranno nuovamente sotto la lente d'ingrandimento.

anaheim-police-shooting

  • shares
  • Mail