Uppiano di Città di Castello: poliziotto uccide la moglie e si toglie la vita

Pochi i dubbi che si sia trattato di un caso di omicidio-suicidio. L'uomo avrebbe lasciato una lettera per spiegare questo folle gesto.

7 marzo 2015 - Col passare delle ore sono stati fugati i dubbi sulla dinamica di questa ennesima tragedia familiare. Juri Nardi, agente della Volante, ha ucciso la moglie Laura Arcaleni col fucile a pompa che deteneva regolarmente e subito dopo si è tolto la vita nello stesso modo.

E’ PerugiaToday, oggi, a scrivere che l’uomo avrebbe lasciato un biglietto d’addio, un foglio in formato A4 in cui Nardi avrebbe spiegato i motivi di questo folle gesto, confermando quindi non si è trattato di un delitto di impeto, ma di un atto premeditato.

Secondo quanto ricostruito in queste ultime ore, sembra la coppia fosse in via di separazione. Le motivazioni di questa follia, quindi, sarebbero da ricercare proprio nella crisi sentimentale che li aveva travolti.

6 marzo 2015

- A Uppiano di Città di Castello in provincia di Perugia un poliziotto e sua moglie sono stati trovati morti nel garage della loro abitazione. La prima ipotesi della polizia è quella che sia stato l'uomo stesso a sparare con un fucile di grosso calibro regolarmente detenuto dall'agente, uccidendo prima la moglie e poi se stesso. Risulta anche che entrambi abbiano preso dei colpi in testa.

L'allarme al 113 è stato lanciato da un socio d'affari della donna che era andato a trovarla. Resta ancora tutta da chiarire la dinamica del duplice omicidio o dell'omicidio suicidio e quali siano stati i motivi scatenanti.

(In aggiornamento)

Uppiano Città di Castello poliziotto e moglie morti in garage

Immagine © Google Maps

  • shares
  • Mail