Assenteismo al Comune di Acerra: in 61 a processo

Il 3 giugno del 2013 ci fu il blitz della polizia nel comune di Acerra, ieri la decisione del gup del tribunale di Nola sul processo che inizierò a novembre.

Rinvio a giudizio per 61 dipendenti del Comune di Acerra (Napoli), accusati assenteismo e truffa. Due anni fa la polizia entrò a sorpresa nel municipio dopo aver filmato con telecamere nascoste, dipendenti comunali che sistematicamente timbravano i cartellini di lavoro al posto di colleghi assenti per coprirne ritardi, assenze e abbandono del posto di lavoro per andare a fare la spesa piuttosto che recarsi al bar.

Solo uno su 62 indagati, il vigile urbano Carmine Di Paola, è stato prosciolto. A decidere ieri pomeriggio, dopo una camera di consiglio durata otto ore, il gup del tribunale di Nola Martino Aurigemma.

Il processo nei confronti dei dipendenti comunali accusati di assenteismo inizierà a novembre prossimo. L'ipotesi di reato per gli imputati è di di false attestazioni e certificazioni in concorso. Il Comune di Acerra si costituito parte civile nel procedimento.

Tra i rinviati a giudizio c'era chi simulavano la propria presenza in servizio alterando i sistemi di rilevamento della presenza o con altre modalità fraudolente o chi forniva una certificazione medica falsa a proposito di uno stato di malattia.

Il 3 giugno del 2013 dopo il blitz della polizia nel comune di Acerra, gli investigatori diffusero i video che mostravano come nelle settimane precedenti alcuni dipendenti comunali aspettavano fuori dal municipio i colleghi per farsi consegnare il badge che veniva poi timbrato al posto loro.

assenteismo acerra

  • shares
  • Mail