Milano: abusi sulle nipotine, condannato nonno-orco

Le violenze secondo i magistrati sono andate avanti per 7 anni, dal 2015 al 2013. L'uomo avrebbe abusato anche della figlia quando era piccola.

Ha abusato sessualmente delle nipoti che all'epoca dei fatti avevano 5 e 10 anni. Il tribunale di Milano ha condannato a 8 anni di carcere un uomo accusato di violenza sessuale e aggravata per l'età delle vittime e per aver commesso il fatto "con l’abuso di relazioni domestiche e di ospitalità".

Le violenze secondo quanto emerso nelle indagini poi oggetto del dibattimento in aula sarebbero iniziate nel 2007 per continuare fino al 2013, periodo in cui le bambine erano spesso ospiti nella casa del nonno a Opera (Milano).

La madre delle vittime le affidava tranquillamente al nonno essendo del tutto all'oscuro degli abusi finché le piccole hanno raccontato di quegli strani comportamenti dell'uomo. Il pensionato quando la moglie era fuori casa avrebbe costretto le nipoti a subire palpeggiamenti e massaggi nelle parti intime.

La nipote più piccola dopo essere stata gran parte di una estate dai nonni aveva detto ai genitori che l'anziano le diceva che era "antipatica": la madre della bambina a quel punto aveva ricordato che l'uomo (suo padre) quando era piccola usava con lei la stessa definizione quando si sottraeva alle sue molestie.

Un ricordo terribile, tornato a galla come un flash. La donna si era poi confrontata con una cugina, la quale aveva raccontato di abusi simili subite dall'uomo, suo zio, quando era piccola.

Un'altra cuginetta delle due sorelline molestate qualche tempo fa si era spogliata in casa, mostrandosi in atteggiamenti sessuali, come testimoniato dal padre che inizialmente aveva collegato la stranezza a qualche cosa che la bimba poteva aver visto fare magari a scuola.

Oltre agli 8 anni di reclusione, il pm di Milano Gianluca Prisco ne aveva chiesti 9 per il nonno-orco, l’uomo è stata condannato all’interdizione perpetua dai pubblici uffici e da incarichi in scuole, istituzioni o altre strutture pubbliche o private frequentate in prevalenza da minori.

È stato poi riconosciuto un risarcimento da liquidarsi in separata sede di giudizio a favore delle due sorelle abusate che si erano costituite parti civili nel processo.

violenza sessuale MIlano

  • shares
  • Mail