Amstetten: Fritzl accusato anche di omicidio

fritzl_04

Per quanto terrificanti e brutali siano state le azioni di Joseph Fritzl, il padre-aguzzino di Amstetten di cui abbiamo diffusamente parlato, c'era il rischio che, in base alle accuse inizialmente formulate contro di lui, venisse condannato a soli 10 anni di carcere.

Due dei figli-nipoti avuti dalla figlia Elizabeth, Kerstin di 19 anni e Stefan di 18, avevano infatti deciso di non testimoniare contro il loro aguzzino, che non sarebbe stato quindi accusato dell'omicidio di uno dei loro fratellini, salvando così l'uomo da una ben più pesante pena.

Oggi invece la "buona" notizia: le accuse contro il 73enne padre-mostro sono state ufficialmente formulate e, secondo quanto riportato dai quotidiani austriaci, includerebbero anche quella per omicidio oltre ovviamente a rapimento, riduzione in schiavitù, incesto, violenza sessuale e via dicendo.

Non è ancora chiaro se alla fine i due giovani abbiano deciso di testimoniare, ma in qualche modo si è riuscito ad accertare che Fritzl abbia volontariamente causato la morte dell'ultimo figlio-nipote nato dalla sua relazione incestuosa con la figlia Elizabeth.

Non è ancora giunta una dichiarazione degli avvocati dell'uomo ed è ancora un pò presto per fare delle ipotesi sulla sua futura condanna: il processo è previsto per l'inizio del 2009 e speriamo vivamente in una punizione il più dura possibile.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: