Mafia a Ostia, 200 anni di condanne al clan Fasciani

Per la prima volta i giudici riconoscono l'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso a Roma

Sono oltre 200 gli anni (complessivi) di condanna per la mafia di Ostia e del litorale capitolino: ieri pomeriggio i giudici della X sezione penale del tribunale della Capitale, che hanno condannato 14 persone, tra cui il boss Carmine Fasciani (28 anni), ai sensi dell'articolo 416 bis: per la prima volta è stata riconosciuta l'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso a Roma.

Oltre al boss Fasciani altri colpevoli del sodalizio criminale sono il fratello Terenzio, che ha preso 17 anni, e le figlie Sabrina, condannata a 25 anni e dieci mesi, e Azzurra, condannata a 11 anni. I componenti della famiglia Triassi sono invece stati assolti.

La sentenza è un nuovo importante tassello anche all'interno della "gemella" Mafia Capitale e rappresenta la prima tranche di condanne scaturite dall'inchiesta Nuova Alba, che un anno fa portò all'arresto di 51 esponenti della criminalità romana sul litorale.

Una condanna del genere, a Roma, non si vedeva dai tempi della Banda della Magliana: per la prima volta nei tempi recenti la magistratura indica con chiarezza che a Roma la mafia esiste ed è una mafia locale, non "importata", anche se i sodalizi criminali varcano di molto i confini della Capitale.

Secondo quanto riporta il quotidiano laRepubblica il Tribunale di Roma ha condannato Carmine Fasciani, ritenuto il capo del clan, a 28 anni di reclusione, la moglie Silvia Bartoli a 16 anni e 9 mesi, il fratello Terenzio a 17 anni, le figlie Sabrina (25 anni e 10 mesi) e Azzurra (11 anni) e il nipote Alessandro a 26 anni. Condannati anche Riccardo Sibio (25 anni e 3 mesi), Gilberto Colabella (13 anni), Luciano Bitti (13 anni e 3 mesi), Ennio Ciolli (3 anni), Emanuele Cocci (2 anni), Mirko Mazzoni (12 anni), Danilo Anselmi (7 anni) e Eugenio Ferramo (10 anni).

Il tribunale ha invece assolto, con varie formule, Nazareno Fasciani, uno dei figli di Carmine, Vito e Vincenzo Triassi (per i quali la procura aveva chiesto 18 anni di carcere), Gilberto Inno e Fabio Guarino.

Il potere mafioso romano avevamo provato a raccontarlo noi di Crimeblog, elencando i principali omicidi (e i loro moventi) avvenuti negli ultimi 10-15 anni nella Capitale: un vero e proprio "elenco" dal quale però si evince come le estorsioni ed il traffico di droga fossero due business fondamentali dai quali le famiglie mafiose di Ostia traevano la linfa vitale.

images

  • shares
  • Mail