Mestre: Baby-Gang sgominata dalla Polizia

Una baby-gang, che nell'ultimo periodo si sarebbe resa protagonista di lesioni, danneggiamenti e rapine nella zona di Mestre, è stata sgominata dalla Polizia di Stato. Le indagini hanno condotto all'emissione di tre provvedimenti cautelari verso due minori e un maggiorenne. Intanto sono in corso una serie di perquisizioni.

Nell'area della città veneta si erano riscontrate ultimamente aggressioni ai barboni, pestaggi, rapine ed episodi di spaccio. E, secondo gli investigatori, questi fatti sarebbero stati compiuti da giovanissimi, di età compresa fra i 14 e i 25 anni. L'ultimo episodio criminale era avvenuto nel pomeriggio dello scorso lunedì, quando una coppia di nord-africani passeggiando per le strade di Mestre è stata aggredita da gruppetto di ragazzini.

La gang ha rincorso i due per poi picchiarli e rapinarli del cellulare e dell'orologio. Orologio che alla fine non è nemmeno piaciuto agli aggressori, visto che le forze dell'ordine, intervenute poco dopo, lo hanno ritrovato in zona. Inoltre, segnaliamo che domenica un passante, sempre a Mestre, è stato aggredito e minacciato con un coltello, in piazzale Donatori di Sangue, da un gruppo di adolescenti.

Così, a partire da martedì pomeriggio, la polizia ha incominciato a compiere una serie di accertamenti nelle zone di via Mestrina, piazza Barche e del Toniolo. Ovvero, dove c'è maggiore affluenza di giovani. Gli agenti hanno identificato 31 ragazzi (tra i 14 e i 30 anni), italiani e stranieri. Tra questi 15 sono minorenni.

Non è ancora chiaro se i fermati di oggi sono accusati di essere coinvolti nell'insieme degli episodi criminali avvenuti a Mestre e dintorni. Ma resta il fatto che l’unico filo conduttore che tiene insieme aggressioni e rapine, almeno per ora, è la giovane età dei responsabili. Tuttavia, potrebbe anche essere che le bande siano più d'una, non necessariamente collegate fra loro. E non è escluso che nelle prossime ore scattino nuovi provvedimenti cautelari.

gang mestre

  • shares
  • Mail