Ercolano: 7 arresti per 4 omicidi di camorra

Essenziale il ruolo dei pentiti nel ricostruire la guerra di camorra tra gli Ascione-Papale e i Birra-Iacomino

Sono 7 i provvedimenti di arresto notificati oggi dai carabinieri di Ercolano (Napoli) per 4 omicidi di camorra che vedrebbero coinvolti elementi del clan Ascione-Papale e Birra-Iacomino.

Gli inquirenti contestano agli indagati, che erano tutti già in carcere per altri reati, l'omicidio premeditato aggravato dalle finalità mafiose. A dare una bella mano a chi indaga gli stessi killer, nel frattempo divenuti collaboratori di giustizia, che hanno fornito una ricostruzione della faida tra i clan camorristici di Ercolano e degli agguati mortali decisi per conquistare l'egemonia sul territorio.

La guerra di camorra tra gli Ascione-Papale e i Birra-Iacomino per la gestione delle attività criminali a Ercolano e dintorni negli anni ha fatto decine di morti ammazzati nei centri del vesuviano.

Nel dettaglio è stato ricostruito ad esempio l'omicidio di Nicodemo Acampora, secondo la Dda un affiliato al clan Ascione ucciso a giugno 2001 mentre stava facendo una telefonata da una cabina pubblica nel centro di Ercolano.

L'uomo era sospettato di fornire al suo clan informazioni sui movimenti di affiliati alla cosca rivale. Per quell'agguato mortale il gip ha emesso cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di Giovanni Birra, 51 anni, Stefano Zeno, di 49, Francesco Sannino, di 41 anni, Ciro Stavolo, di 47, e Pasquale Genovese, 41.

Gli altri tre delitti in questione sono avvenuti nel 2007 ai danni di presunti membri del clan Birra-Iacomino: a morire sotto i colpi dei sicari Vincenzo Scognamiglio, ucciso a settembre 2007, Vincenzo Abbate, il 28 settembre 2007 dopo aver accompagnato il figlio a scuola, e Salvatore Madonna, freddato il 15 dicembre 2007. Per questi altri tre omicidi i nomi dei presunti responsabili sono Natale Dantese e Mario Papale rispettivamente di 34 anni e 48 anni.

omiicidi di camorra ercolano

  • shares
  • Mail