Accusato di duplice omicidio in Arizona: ha solo 8 anni

fucile calibro 22

Sembra incredibile eppure in Arizona, Stati Uniti, il piccolo Christian Romero, di 8 anni, è stato accusato di omicidio premeditato per aver ucciso a colpi di pistola suo padre ed un altro uomo presente in casa.

L'omicidio sarebbe avvenuto mercoledì a St.Jones, una piccola comunità di circa 4000 persone: dei vicini hanno sentito degli spari provenienti dalla casa dei Romero. Poco dopo il piccolo Christian si è recato nella casa vicina dichiarando che "forse suo padre era morto".

A quel punto sono intervenute le autorità che hanno trovato il corpo senza vita del padre del bambino, il 29enne Vincent Romero, e quello di Timothy Romans, 39 anni, che aveva affittato una stanza in casa Romero.

I due sarebbero stati uccisi con un fucile calibro .22 e secondo quanto emerso dagli interrogatori non si sarebbe trattato di un incidente. Sembra infatti che il piccolo abbia confessato la premeditazione dell'omicidio, ma è possibile che qualcuno l'abbia spinto a fare una simile dichiarazione.

Per il momento sono in corso accertamenti psichiatrici sul piccolo Christian, che è ospitato nel centro di detenzione per minori nella contea di Apache.

Il fatto preoccupante è che secondo la legge dell'Arizona si è perseguibili proprio dagli 8 anni di età in su ed il bambino potrebbe venir processato e condannato per duplice omicidio proprio come se fosse un adulto.

Via | MSNBC

  • shares
  • Mail