Bari: rapine e stupri ai danni di prostitute, arrestato 33 enne

Arrestato a Bari un 33 enne che rapinava e violentata le prostitute.

I carabinieri della stazione di Cellamare hanno arrestato un 33 enne di Bari Carbonara con le pesanti accuse di rapina e stupro ai danni di alcune prostitute. In particolare, l'uomo avrebbe rubato i soldi a tre donne e ne avrebbe obbligata una ad avere rapporti sessuali con lui. In un'altra occasione, invece, il tentativo di stupro non sarebbe andato a buon fine.

I carabinieri sono riusciti a individuare il 33 enne grazie alle segnalazioni delle vittime della aggressioni, che hanno denunciato gli episodi ai militari. L'uomo per le rapine e per spaventare le 'lucciole' si sarebbe servito anche di una pistola. Era già noto alle forze dell'ordine. E' stato il gip del tribunale di Bari a firmare l'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

E' stato fermato nel corso di controlli specifici per il contrasto della prostituzione che i carabinieri hanno effettuato sulla provinciale Adelfia - Rutigliano. Proprio su questa strada sarebbero avvenute tutte le aggressioni denunciate dalle vittime. A quanto pare, lo scopo dell'uomo non era tanto la rapina, ma ottenere prestazioni sessuali gratuite dalle prostitute che puntava.

La violenza sessuale sarebbe avvenuta lo scorso 27 giugno. Il primo ottobre scorso, il 33 enne è tornato a colpire due volte. Ha infatti portato via la borsa a due donne, con 120, 70 euro e altri effetti personali dentro. Una settimana dopo, altra aggressione con tentato stupro. In questo caso, il bottino sarebbe stato di 150 euro più altri effetti personali. La donna è invece riuscita a sfuggire all'abuso, scappando per i campi. L'uomo era diventato il terrore delle donne che praticavano il mestiere sulla provinciale.

Lucciole Bari

  • shares
  • Mail