Maxi bunker della 'ndrangheta scoperto a Bovalino (VIDEO)

Nell'ambito delle operazioni volte alla cattura del latitante Antonio Pelle

Un altro bunker per latitanti di 'ndrangheta è stato scoperto stamattina a Bovalino (Reggio Calabria) dove i carabinieri del gruppo di Locri e dello squadrone eliportato Cacciatori d’Aspromonte di stanza a Vibo hanno eseguito diverse perquisizioni domiciliari, su ordine della Direzione distrettuale antimafia reggina che dà la caccia al latitante Antonio Pelle, 25 anni. E si tratta di un maxi bunker, di ben 600 metri quadri.

Pelle è ritenuto dagli inquirenti un membro di spicco del clan Pelle-Vottari di San Luca e deve scontare 12 anni di carcere dopo la condanna in appello per associazione di tipo mafioso a scaturita dall'inchiesta Fehida oltre a essere destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga sentenza emessa nel 2012 dal tribunale capitolino.

I militari dell'Arma hanno eseguito i controlli i diverse abitazioni e nei terreni di pertinenza delle stesse, avvalendosi anche di un escavatore. Il mega bunker è stato scoperto in località Selvaggine di Bovalino: sotto un capannone nella disponibilità di un 61enne del posto è stato rivenuta la costruzione sotterranea in muratura, per una superficie complessiva di circa 600 metri quadri.

Il bunker non sarebbe stato usato di recente ma era attrezzato con un modulo abitativo di 2 posti letto, cucina e bagno. Al suo interno anche 1.000 vasi di plastica con terreno, concime, fusti di fertilizzante liquido, lampade alogene e altro materiale per la coltivazione della marijuana.

Al bunker, ora sotto sequestro, si accedeva da un botola a sollevamento idraulico nascosta nella pavimentazione del capannone e coperta da balle di paglia. Ora il nascondiglio sarà passato al setaccio dal reparto investigazioni scientifiche del Comando provinciale di Reggio.

 Bunker bovalino pelle vottari

  • shares
  • Mail