Olimpiadi di Londra 2012 - Arrestato un teenager per un Tweet. Aveva minacciato Tom Daley

Un tweet, un arresto, di un teenager. Accade anche questo alle Olimpiadi di Londra 2012 dove un 17enne in un messaggio sul social network ha pesantemente offeso Tom Daley, il tuffatore inglese di 19 anni, già campione del mondo nella piattaforma da 10 metri ai Mondiali di Roma 2009 e che l’anno scorso ha perso il padre, morto per un cancro al cervello.

Il tweet del teenager, arrestato dalla polizia del Dorset a Weymout, è stato inviato ieri dopo che Daley, impegnato con Pete Waterfield nei tuffi sincronizzati, ha terminato la gara con un quarto posto. "Oggi hai deluso tuo padre. Immagino tu sappia di cosa sto parlando" ha scritto il 17enne. Daley dal suo account ha risposto "Dopo aver dato tutto me stesso... Si ottengono messaggi di idioti come te”.

Daley prima dell’inizio delle Olimpiadi aveva dichiarato che era stata proprio la figura del padre, che lo ha sempre seguito e sostenuto nell’attività agonistica, ad avergli dato tutta l'ispirazione necessaria per gareggiare.

Il 17enne, con il nick @Rileyy_69, ha poi tentato di fare marcia indietro scrivendo un messaggio di scuse: “Mi dispiace TomDaley1994, volevo solo che tu vincessi le Olimpiadi... Mi dispiace tom accettare le mie scuse”. Poco dopo il suo account Twitter è stato sospeso e questa mattina all’alba è stato arrestato dalla polizia che sull'accaduto ha aperto due inchieste.

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: