Napoli, spari nel quartiere Ponticelli: 30enne gambizzato in strada

L’uomo ha raccontato di esser stato aggredito da tre rapinatori, ma non si escludono collegamenti con la criminalità organizzata attiva a Ponticelli.

ospedale-loretomare


Si continua a sparare a Napoli. A pochi giorni dall’agguato al rione Sanità costato la vita a un giovane di 22 anni torna la paura in strada. Oggi un ragazzo di 30 anni, Gennaro Maggio, è stato gambizzato mentre si trovava nel quartiere Ponticelli in circostanze ancora tutte da verificare.

L’uomo, medicato all’ospedale Loreto Mare, ha raccontato agli inquirenti di esser stato avvicinato da tre uomini che avrebbero cercato di rapinarlo. Di fronte alla sua reazione, uno di loro avrebbe aperto il fuoco colpendolo a una gamba.

Il condizionale è d’obbligo. Le forze dell’ordine stanno ancora verificando il suo racconto, convinti che dietro questa aggressione potrebbe esserci dell’altro. Ieri, sempre a Ponticelli, una ventina di colpi di pistola erano stati esplosi in aria da uomini giunti all’incrocio tra Corso Ponticelli e via Camillo De Meis a bordo di tre moto prima di dileguarsi.

Non si sono segnalati danni a cose o persone, ma quell’episodio apparentemente senza senso sarebbe da ricondurre al riassetto degli equilibri tra i clan camorristici attivi a Ponticelli. Non si esclude, quindi, che l’episodio di questa mattina sia collegato alla criminalità organizzata.

Le indagini proseguono.

  • shares
  • Mail