Bari, agguato a colpi di mitra: ucciso Nicola Lorusso

Il delitto sarebbe collegato alla criminalità organizzata: la vittima è il padre del presunto boss Umberto Lorusso.

Italian scientific police  collect evide


Omicidio in strada a Bari, una vera e propria esecuzione nel quartiere San Girolamo costata la vita al sorvegliato speciale Nicola Lorusso, 59 anni, freddato a colpi di mitra intorno alle 9.30 di oggi.

L’uomo stava passando con l’auto in via Van Westerhout quando è stato affiancato dalle vettura con a bordo i sicari. Gli assassini hanno fatto fermare l’auto e fatto scendere la moglie dell’uomo, poi hanno crivellato di colpi Lorusso, almeno 20 proiettili esplosi da una mitraglietta.

La vittima è riuscita a scendere dall’auto, ma i sicari gli hanno sparato in testa uccidendolo all’istante. Illesa la moglie, costretta dagli assassini ad assistere a tutta la scena. Poi, così come erano arrivati, i sicari sono fuggiti a bordo dell’automobile facendo perdere le proprie tracce.

Gli inquirenti non hanno dubbi, l’omicidio di questa mattina è collegato alla criminalità organizzata. La vittima, lo scrive La Gazzetta Del Mezzogiorno,

apparteneva alla famiglia del «Ciuccio», ritenuta rivale di un altro clan malavitoso della zona.

E’ BariToday, invece, a spiegare che

Il 59enne è parente di Umberto Lorusso, 37 anni, ritenuto dagli investigatori il capo dell'omonimo clan della zona.

Gli inquirenti stanno già compiendo controlli e perquisizioni in tutto il quartiere.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail