Camorra, clan Amato-Pagano: sequestro beni da 1,5 mln a presunto affiliato

Sequestro nei confronti di Ciro Natale. Tra i beni oggetto del provvedimento patrimoniale ci sono immobili, un'auto e vari rapporti finanziari.

Un sequestro beni da 1,5 milioni di euro è stato eseguito questa mattina dai carabinieri di Torre Annunziata (Napoli) a carico di Ciro Natale, di 45 anni e con precedenti penali.

L'uomo, detenuto nel carcere di Benevento, è considerato un affiliato al clan di camorra Amato-Pagano, i cosiddetti scissionisti usciti vincitori dalla prima faida di Scampia, con base a Secondigliano e attivi nell’area nord di Napoli.

Il provvedimento di carattere patrimoniale arriva dopo accurate indagini iniziate a novembre 2012 che hanno portato tra l'altro all’arresto di 48 persone in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli su richiesta della procura antimafia partenopea per i reati di associazione di tipo mafioso, omicidio, traffico di stupefacenti e riciclaggio, reati aggravati dal metodo mafioso e dal carattere transnazionale.

In quell'occasione furono colpiti i clan Falanga, Di Gioia e gli scissionisti del clan Di Gioia di Torre del Greco, collegati a loro volta con gli Amato-Pagano per l’approvvigionamento di droga da vendere sulle piazze di spaccio di loro competenza.

Il sequestro nei confronti di Ciro Natale, scrivono i carabinieri in una nota:

"ha consentito i accertare la pericolosità sociale del Natale, e di come i beni riconducibili a lui e ai suoi familiari fossero il provento dell’attività illecita svolta soprattutto nel settore degli stupefacenti, di gran lunga superiori rispetto alle fonti reddituali lecite dello stesso Natale".

Tra i beni oggetto del provvedimento di sequestro ci sono immobili, un'auto, un motociclo e rapporti finanziari vari tra conti correnti, libretti postali, polizze assicurative e deposito titoli.

sequestro beni Ciro natale

Foto © Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail