Ian Smith: 17000 messaggi alla quindicenne che amava

ian smith pedofiloGià peccato che la legge degli Stati Uniti la veda un pò diversamente per quanto riguarda i rapporti tra maggiorenni e ragazzine. Ian Smith, poi, come ci racconta il Sun, era stato arrestato: lui, americano, aveva adescato in internet una quattordicenne inglese, le aveva mandato qualcosa come diciassettemila tra messaggi di posta elettronica, foto, video di lui intento a fare schifezze assortite, fino a quando non era stato blindato. Dopo che da Reno, nel Nevada, aveva volato fino all'Inghilterra per incontrarla.

Una volta detenuto poi, la polizia inglese non ha avuto migliore idea che dargli un computer dove tenere un blog: brillante idea, quando Smith era noto per adescare le sue vittime proprio sul web. Ed infatti non si è lasciato sfuggire l'occasione, mentre attendeva di venire estradato negli Stati Uniti, di scrivere in un blog nome e cognome della ragazzina abusata.

Via | The Sun

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: