Scoperto bunker per latitanti nella Locride

Nell'ambito dei controlli volti alla cattura del latitante di 'ndrangheta Antonio Pelle.

Un container-bunker per latitanti è stato scoperto nella Locride questa mattina, a Benestare, centro di 2.500 abitanti in provincia di Reggio Calabria.

Quello trovato dai carabinieri, nell'ambito di controlli e perquisizioni volti alla cattura del latitante di 'ndrangheta Antonio Pelle, di 26 anni, era un vero e proprio modulo abitativo, interrato a una profondità di due metri in un fondo agricolo in contrada Bosco, con arredi in plastica, materassi, servizi igienici, impianto idrico, di aerazione ed elettrico.

Al nascondiglio, nascosto dalla vegetazione, si accedeva attraverso una botola. Il container-bunker è stato scoperto dai carabinieri del gruppo di Locri e dallo Squadrone eliportato Cacciatori d'Aspromonte. Il fondo agricolo in cui era interrato è nella disponibilità di un 61enne di Bovalino (RC). Si tratta della prima struttura del genere scoperta nella Locride, di 6 metri per 2.

Antonio Pelle, presunto affiliato alla cosca Pelle-Vottari di San Luca (RC), è ricercato a seguito di un condanna in appello a 12 anni per associazione di tipo mafioso scaturita dall'inchiesta "Fehida" e per un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga emessa dal tribunale di Roma.

Secondo gli investigatori il bunker, da tempo inutilizzato, era un rifugio proprio della cosca Pelle-Vottari protagonista con Nirta-Strangio della faida culminata nella strage di 'ndrangheta di Duisburg, in Germania, il 15 agosto del 2007 (6 morti).

(Nel video in alto: Boss della 'ndrangheta Rocco Aquino arrestato nel bunker di casa sua - febbraio 2012)

Buker latitanti benestare locride

  • shares
  • Mail