Clan Contini: sequestrati beni per 70 milioni a prestanome

A carico di Roberto Moccardi e della moglie Anna D'Orta. Secondo l'accusa riciclavano i soldi del clan di camorra in tutt'Italia.

Maxi sequestro di beni al clan Contini. Il gruppo camorristico napoletano, nonostante i precedenti sequestri a suo carico, godeva tuttora di una ottima salute finanziaria, almeno a giudicare dall'ammontare dei beni sequestrati oggi, pari a 70 milioni di euro.

Gli inquirenti hanno scoperto dei presunti prestanome del clan che riciclavano denaro per conto dell'organizzazione di camorra in tutta Italia.

Nel dettaglio il provvedimento patrimoniale eseguito stamattina dagli agenti della Direzione investigativa antimafia (Dia) riguarda una coppia, marito e moglie, che secondo gli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia partenopea avrebbe riciclato e reinvestito i proventi frutto delle attività mafiose del clan Contini.

Gli agenti hanno apposto i sigilli a immobili, rapporti bancari, auto, ristoranti, quote societarie in aziende di ristorazione, autotrasporto, autoparcheggio e locazione di capannoni.

Un patrimonio riconducibile secondo chi indaga a Roberto Moccardi e alla moglie Anna D'Orta, che avrebbero creato e gestito di fatto una rete di imprese per conto dei vertici del gruppo camorristico.

L'operazione odierna arriva a 11 mesi di distanza dal mega blitz che portò all'arresto di novanta presunti affiliati del clan Contini - organizzazione finora impermeabile ai collaboratori di giustizia - in 3 diverse regioni italiane (nel video in alto).

Il ritenuto boss storico dell'organizzazione, Eduardo Contini, detto 'o romano venne arrestato nel 2007. L'uomo, che oggi ha sessant'anni, era ricercato da sette ed era nella lista dei 30 latitanti più pericolosi d'Italia.

Quando fu catturato il fondatore del clan che fa base nel Rione Amicizia ed è attivo nella zona della stazione centrale, a San Carlo, Vasto, Mercato e Poggioreale di Napoli, era considerato a capo di un vasto impero economico-finanziario.

Dia  sequestra beni Contini

  • shares
  • Mail