Contrabbando di sigarette: arrestato direttore Manifattura Tabacchi di Chiaravalle

Con il direttore della Manifattura Tabacchi di Chiaravalle arrestato anche il responsabile rapporti esteri e altri 4 soggetti. Gli inquirenti contestano l'associazione per delinquere transnazionale e un'evasione fiscale da 73 mln.


    Aggiornamento ore 21:15. L’inchiesta ha preso le mosse dopo una segnalazione arrivata dalle autorità polacche in merito al presunto contrabbando transnazionale di sigarette. In particolare l’esportazione extra Ue di bionde delle marche Em@il, 821 e Parioli, tutte prodotte dalla Manifattura italiana di Chiaravalle, avveniva con bollette indicanti quantità inferiori. La merce circolava in regime di sospensione d'imposta, in quanto formalmente destinata appunto al mercato extra Ue, ma secondo la Gdf in realtà veniva messa in commercio in Italia, Inghilterra, Irlanda, Germania e Repubblica Ceca.

Il direttore generale della Manifattura Tabacchi di Chiaravalle e il responsabile dei rapporti con i clienti esteri dei Monopoli sono stati arrestati oggi dal Gico della guardia di finanza di Ancona. Avrebbero trafficato in bionde di contrabbando.

Con i due dirigenti dei Monopoli sono finite in manette altre quattro persone in un'inchiesta su un presunto traffico internazionale di sigarette di contrabbando per un valore di ben 100 milioni di euro.

Il contrabbando di sigarette secondo le indagini sarebbe cominciato a novembre del 2011: al direttore generale arrestato e ai presunti complici viene contestata l'associazione per delinquere transnazionale.

L'operazione denominata "Duty free" è stata coordinata dalla Procura di Ancona con il supporto del Servizio antifrode delle Dogane. Secondo le Fiamme gialle carichi di sigarette per 520 tonnellate sarebbero partiti dalla Manifattura di Chiaravalle (Ancona) per arrivare, secondo i documenti, ed essere poi commerciati in Paesi extra Unione europea.

Solo che le bionde non avrebbero mai raggiunto quella destinazione, essendo in realtà finite in Paesi dell'Unione, per un'evasione fiscale calcolata dalla Gdf pari a 73 milioni di euro.

La Guardia di Finanza contestualmente agli arresti e su ordine del gip, ha eseguito provvedimenti di sequestro per 78 milioni di euro a carico degli indagati.

(in aggiornamento)

arresto direttore generale della Manifattura Tabacchi arrestato

  • shares
  • Mail