Tecnici italiani rapiti in Siria: liberi Oriano Cantani e Domenico Tedeschi

Sono liberi e stanno bene i due tecnici italiani rapiti a Damasco il 18 luglio scorso in una Siria dilaniata dalla guerra civile. La ricostruzione ufficiale raccontata stamane dalla televisione di Stato parla di un sequestro ad opera di un gruppo terroristico e di un provvidenziale intervento delle forze regolari siriane, fedeli al presidente Bashar al-Assad.

Oriano Cantani , 64 anni, di Genova, e Domenico Tedeschi, 36 anni, di Roma, entrambi dipendenti di ditte che lavorano per Ansaldo Energia, sarebbero stati individuati e liberati dall'esercito nella giornata di ieri. Per il ministro degli Esteri Giulio Terzi «il rilascio dei nostri due connazionali è uno sviluppo molto positivo».

Cantani ha detto che è difficile poter dire chi li ha rapiti «anche perché qui la situazione è molto confusa e quelli che ci hanno preso in consegna erano tutti a volto coperto». Nei giorni scorsi, ha aggiunto, lui e il collega sono stati spostati «in varie case».

Foto | ©TMNews

  • shares
  • Mail