Modena, violenta e mette incinta sua figlia: 50enne ha confessato

Gli abusi sarebbero cominciati quattro anni fa, ma si sarebbero intensificati negli ultimi mesi, quando l’uomo era agli arresti domiciliari.


La confessione è arrivata. Il cittadino africano di 50 anni arrestato nei giorni scorsi in provincia di Modena con l’accusa di aver violentato per anni la figlia minorenne, arrivando a metterla incinta, ha ammesso le proprie responsabilità, anche se soltanto in parte. L’uomo, ora in carcere, ha confermato di aver abusato della figlia negli ultimi mesi:

E’ successo solo negli ultimi mesi, ero agli arresti domiciliari e bevevo, ero sempre ubriaco, non mi rendevo conto. Ci sono stati degli approcci.

Per gli inquirenti, però, gli abusi sarebbero cominciati almeno quattro anni fa, quando la giovane vittima aveva appena 9 anni. Quattro anni di abusi, dicono gli inquirenti, taciuti dalla piccola e scoperti soltanto di recente, quando, di fronte alla gravidanza della figlia, la madre ha scoperto tutto e si è recata dalle autorità per denunciare il consorte.

La conferma delle violenze è emersa quando l’esame del DNA sul feto ha accertato che si trattava proprio del figlio del 50enne. A quel punto è scattato l’arresto ed è anche arrivato l’ok per giudice tutelare per l’interruzione della gravidanza.

L’uomo, arrestato con l’accusa di violenza sessuale su minore di 14 anni aggravata dal grado di parentela, avrebbe intensificato gli abusi sessuali negli ultimi mesi, mentre si trovava ai domiciliari dopo esser finito in manette lo scorso anno all’aeroporto di Bologna con due valigie piene di eroina per un valore complessivo di 500 mila euro.

Via | Il Resto Del Carlino

  • shares
  • Mail