Numana (Ancona): uccide ex moglie e figlio e poi si suicida

Un operaio 30enne dopo aver ucciso moglie e figlio piccolo con una pistola regolarmente detenuta si è suicidato. La coppia si era separata quest'estate.

Duplice omicidio seguito da un suicidio a Numana (Ancona) dove oggi verso mezzogiorno un uomo di 30 anni, Daniele Antognoni, avrebbe ucciso a colpi di pistola la ex moglie, P.C., di 28 anni, da cui era separato, e il figlio di 5 anni, prima di puntare la Beretta regolarmente detenuta contro la sua tempia.

L'uomo, di professione commerciante, questa mattina si sarebbe presentato nell'appartamento in cui viveva la famiglia con la pistola in tasca e al culmine di una violenta lite, avrebbe estratto l'arma e aperto il fuoco contro l'ex moglie e il figlio piccolo secondo la ricostruzione de Il Messaggero.

L'arrivo dei soccorsi nell'abitazione della tragedia, in via Urbino, nella frazione Marcelli di Numana, è stato inutile, era intervenuta anche l'eliambulanza. La donna era ancora viva quando sono giunti i sanitari ma è morta poco dopo a causa delle gravi ferite riportate. Sul posto i carabinieri che conducono le indagini. Ad aprire la porta all'uomo sarebbe stato il figlioletto.

Antognoni dopo la separazione dalla moglie, questa estate era tornato a vivere dai suoi genitori. Stamattina avrebbe prima telefonato all'ex tentando una riconciliazione e avvisandola che sarebbe passato a trovarla. La donna spaventatasi avrebbe chiamato il 112, ma i carabinieri sono giunti sul posto a dramma consumato.

(Nel video in alto: Uccide moglie e figlio e si toglie la vita - Viterbo, gennaio 2012)

Tragedia a Numana omicidio-suicidio

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail