Napoli, evade tre volte dai domiciliari: "troppe liti con mia moglie"

L'uomo ha deciso di farsi arrestare di nuovo pur di non rimanere da solo a casa con la moglie. La magistratura conferma però gli arresti domiciliari.

Evade dagli arresti domiciliari autodenunciandosi presso la polizia e ammettendo:

troppe liti con mia moglie, non ce la facevo più.

Per la serie: meglio in carcere che con la consorte, ma l'uomo in cella non è riuscito a finirci. È accaduto domenica scorsa a Napoli, protagonista della vicenda un 37enne che era agli arresti domiciliari da appena tre giorni.

L'uomo in realtà era già evaso dalla sua abitazione sabato, sempre per dissidi e litigi con la moglie, era stato quindi arrestato e con un giudizio per direttissima era stato condannato a 8 mesi, con il ripristino della misura degli arresti domiciliari.

Appena tornato a casa l'uomo ha però litigato di nuovo con la moglie, quindi ha deciso di farsi arrestare una seconda volta pur di non rimanere da solo tra le mura domestiche con la donna.

Secondo i successivi accertamenti delle forze dell'ordine l'uomo sempre per lo stesso motivo era evaso già un'altra volta, senza farsi arrestare però.

L'autorità giudiziaria dopo l'ultimo tentativo di evasione dai domiciliari ha disposto ancora una volta a carico dell'uomo il ripristino della misura delle detenzione domiciliare a cui era sottoposto. L'uomo è stato denunciato in stato di libertà e quindi ricondotto a casa dai poliziotti, immaginiamo non con immenso piacere.

Ad agosto scorso un caso analogo era capitato a Roma: A causa delle continue liti con la moglie un 37enne pregiudicato aveva chiesto di poter tornare in cella, il magistrato quella volta lo aveva accontentato disponendo per lui la detenzione carcere di Regina Coeli.

(Nel video in alto: evade più volte dagli arresti domiciliari, Agrigento - settembre 2011)
Polizia Napoli evade dai domiciliari per lite con moglie

  • shares
  • Mail