Delitto Reggiani: chiesto ergastolo per Mailat, che si dichiara innocente

mailat_reggianiVolevano a tutti i costi un colpevole per un fatto così grave e penso di essere stato estratto da un mazzo di carte. Forse sono un capro espiatorio per tutti i romeni che hanno commesso in Italia tanti reati.

Queste le parole di Romulus Nicolae Mailat, accusato della morte di Giovanna Reggiani, la donna brutalmente assassinata a Tor di Quinto a Roma il 30 ottobre dello scorso anno, che fanno seguito alla requisitoria con cui oggi il pm Maria Bice Barborini ha ricostruito i fatti che hanno portato all'arresto del giovane romeno.

Una ricostruzione accurata della sera dell'omicidio, supportata delle dichiarazioni dei testimoni oculari e dai resoconti delle indagine svolte. Fondamentale è stata la testimonianza di Emilia Neamtu, zia di Mailat, che fu la prima a vedere tutta la scena e ad avvertire la polizia subito dopo, facendo arrestare suo nipote quella sera stessa.

Secondo quanto ricostruito dal pm Barborini, quel 30 ottobre Mailat avrebbe bevuto un pò troppo e si sarebbe diretto verso la Stazione ferroviaria di Tor di Quinto, dove avrebbe incrociato la signora e le si sarebbe gettato addosso con una violenza inaudita, uccidendola dopo averla derubata e violentata.

La sentenza è prevista per domani mattina e se la richiesta del pm dovesse venir accolta, Mailat sarà condannato all'ergastolo.

Via | AdnKronos

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: