India: violenza sessuale, arrestato tassista di Uber

La polizia indiana ha arrestato un tassista del servizio online Uber: ha violentato un cliente.

Arrestato in India un autista di taxi del servizio online Uber: è accusato di violenza sessuale ai danni di una ragazza di 26 anni. Lo stupro sarebbe avvenuto venerdì sera. Dopo giorni di ricerche, la polizia è riuscita a identificare e mettere le manette ai polsi del 32enne Shiv Kumar Yadav, che oggi finirà davanti ai giudici.

La donna, dopo aver trascorso una serata insieme ad alcuni amici, per tornare a casa aveva chiamato un taxi mediante l'app Uber. Il tassista, però, invece di portare la 26enne a casa, di era diretto in una zona appartata e aveva violentato la ragazza. Minacciandola poi di massacrarla se avesse denunciato il fatto. La notizia è stata riportata dall'emittente Ndtv.

L'arresto pare essere il classico 'contentino' dato al Paese, sempre più vittima di violenze sessuali e omicidi ai danni delle donne. A New Delhi, la capitale, poche ore prima della notizia dell'arresto erano scesi in piazza decine di studenti. Una manifestazione spontanea davanti al comando centrale della polizia per chiedere maggiori controlli e severità nei confronti dei violentatori.

Voci dalla piazza: "Un altro stupro a Delhi. Un fenomeno dilagante in questi anni. Sono qui perché penso che sia un mio diritto e dovere sociale manifestare contro le violenze sessuali" dice una ragazza. Un'altra aggiunge: "Io sono qui per protestare contro il fallimento della macchina statale, causa principale di questi stupri. Ma lo Stato si rifiuta di ammettere le proprie colpe e non attua provvedimenti adeguati per contrastare fenomeni del genere".

7 mila femminicidi al giorno

I numeri dell'India sono inquietanti: 7 mila femminicidi al giorno. Dopo la vicenda della ragazza stuprata a morte da un gruppo di uomini su un autobus, nel 2012, molte hanno trovato il coraggio di denunciare. Spesso, però, come denunciano le Organizzazioni non governative, molte vittime sono costrette a stare zitte sotto le minacce dei familiari o delle stesse forze dell'ordine.

Taxi India

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail