Operazione antimafia "Addio Pizzo": nuovo arresto e udienza preliminare

Fabio ChianchianoE' finito in manette nella notte scorsa Fabio Chianchiano, 43anni, luogotenente dei Lo Piccolo, clan di spicco di Cosa Nostra, che per loro si occupava di controllare il traffico di droga e di riscuotere il pizzo.

Latitante dallo scorso luglio, quando era sfuggito alla cattura nell'ambito dell'operazione denominata "Addio Pizzo 4", Chianchiano è stato individuato ed arrestato dalla squadra mobile di Palermo. Con lui è finita in manette anche la sua compagna, 26 anni, accusata di favoreggiamento per non aver rivelato il nascondiglio di Chianchiano.

I due infatti avevano fatto di tutto per evitare sguardi indiscreti, dalle tapparelle sempre chiuse nella loro abitazione nel quartiere Zen di Palermo a contatti quasi nulli col mondo esterno, ma non avevano fatto i conti con le potenti telecamere utilizzate degli investigatori, che sono riuscite comunque a riprendere il latitante durante i suoi pochissimi spostamenti.

Dalle indagini è emerso inoltre che Chianchiano in più occasioni aveva rifornito la famiglia Lo Piccolo di di armi e munizioni.

Nel frattempo è prevista per domani mattina l'udienza preliminare del processo a carico di 76 imputati per associazione mafiosa, tutti finiti in manette nell'ambito delle operazioni antimafia denominate "Addio Pizzo", iniziata nel gennaio di quest'anno e suddivisa in quattro ondate.

All'udienza di domani sarà anche presente il Sottosegretario all’Interno Alfredo Mantovano e, per la prima volta, il Commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket ed antiusura si costituirà parte civile.

Via | AGI

Foto | Repubblica

  • shares
  • Mail