Caserta: rifiuti nel Volturno, arrestato proprietario di Latte Matese e Foreste Molisane

Arrestato questa mattina il 75enne Giuseppe Gravante, patron di Latte Matese e Foreste Molisane: costringeva i dipendenti a smaltire rifiuti nel fiume Volturno.

Manette ai polsi di Giuseppe Gravante, proprietario di Latte Matese e Foreste Molisane. A suo carico l'accusa di estorsione e smaltimento illecito di rifiuti: avrebbe costretto, dietro la minaccia del licenziamento, i suoi dipendenti a smaltire rifiuti zootecnici nel fiume Volturno. All'imprenditore campano sono stati concessi gli arresti domiciliari, su disposizione del gip di Santa Maria Capua Vetere.

Gravante ha 75 anni. Tra le altre cose, avrebbe anche costretto i dipendenti a sotterrare altri tipi di rifiuti nei terreni della propria azienda agricola. L'arresto è stato eseguito dal Corpo Forestale dello Stato. Così la nota della procura che annuncia il compimento dell'operazione da parte delle forze dell'ordine:

"L'attività di smaltimento - consumatasi dal 1994 fino a qualche mese fa - veniva svolta con modalità tali da eludere i controlli: per esempio, in orario serale e notturno, oppure in occasione di piogge e temporali, approfittando, in tal caso, della circostanza che le acque del fiume fossero state rese limacciose dalle acque piovane".

E ancora:

"Per avere un'idea della gravità dell'inquinamento arrecato dagli sversamenti illeciti nel fiume Volturno, basti pensare che un allevamento bovino come quello in oggetto, della consistenza di 3 mila - 3.500 capi, rilascia un carico organico specifico (cioè, la quantità di sostanze organiche provenienti da un'utenza civile a questa assimilabile, convogliate in fognatura nell'arco temporale di un giorno) pari a quello di una città di circa 24 mila persone".

Foreste Molisane

  • shares
  • Mail