Amore Criminale, seconda puntata del 27 ottobre 2014: la storia di Fatime e Senade Selmanaj

Nella seconda puntata di Amore Criminale la terribile storia della strage di Pescina: una storia di abusi, violenze e morte.

Ieri sera è andata in onda la seconda puntata della quindicesima stagione di Amore Criminale che ci ha raccontato la tragica storia di Fatime e Senade Selmanaj, madre e figlia uccise dall'uomo che le avrebbe dovute proteggere. L'assassino è infatti Veli Selmanaj, marito e padre delle vittime, che per anni ha sottoposto le due donne, ma anche gli altri cinque figli, a violenze, abusi e umiliazioni.

Fatime e Senade sono due donne di origini kosovare rifugiatesi in Italia dopo lo scoppio della guerra nel loro Paese, insieme a Veli e agli altri cinque figli della coppia, altre due femmine e tre maschi. Senade e le sue sorelle, sin da piccole, sono vittime delle violenze sessuali del padre, di cui la madre, spesso assente per lavoro, non si accorge.

Nessuno, a dire il vero, sospetta cosa accade tra le mura domestiche: Veli, infatti, fuori di casa dà a tutti l'idea di essere un uomo mite e un buon padre di famiglia. Nello stesso stabilimento ortofrutticolo dove lavorano lui, sua moglie e le due figlie più grande, nessuno immagina che Veli in casa si comporti come un padre-padrone.

amorecriminale-fatime-senade

Sia la moglie che i figli, infatti, devono subire le sue continue violenze, oltre a dover consegnare al capofamiglia tutti i guadagni del loro lavoro. Ma il peggio deve ancora venire: l'uomo inizia infatti ad abusare sessualmente delle tre figlie femmine, fin da quando sono piccole, e all'insaputa una dell'altra. Questo fino a quando il figlio maggiore, Fetah, non capisce cosa sta succedendo a sua sorella Senade e rompe quel velo, parlando con la madre e convincendo le due donne a denunciare il padre.

Con l’aiuto della madre, carica del dolore per non essersi mai accorta di ciò che accadeva quando lei non era in casa, la ragazza decide di denunciare le violenze ai Carabinieri. Il suo coraggio fa sì che anche le altre due sorelle, Resmije e Blerta, trovino la forza di parlare.

Dopo la denuncia, Veli viene ripudiato dalla famiglia e costretto ad andare via. Ma l'uomo non si arrende e cerca in tutti i modi di convincere la moglie a tornare con lui. Vedendo che la situazione non si sblocca, Veli decide di andare via, e parte per la Germania. Saranno i due anni più belli per Fatime e i suoi figli, che iniziano finalmente a vivere una vita normale e serena.

amorecriminale-barbaraderossi

Veli però non ha dimenticato e vuole lavare con il sangue l'affronto subito dalla famiglia. Così torna in Italia e una sera segue la moglie e la figlia, di ritorno dal lavoro, fino a un piccolo supermercato di Pescina, il paese in cui vivono. È il 16 ottobre 2013 e quando Fatime e Senade escono per tornare a casa trovano ad attenderle Veli, armato di pistola, che tende loro un agguato a colpi di pistola, uccidendole a sangue freddo. Verrà arrestato poco dopo.

L'uomo è stato condannato in primo grado all'ergastolo e si attende ora il processo d'appello, oltre al processo per gli abusi sessuali ai danni delle figlie.

  • shares
  • Mail