Wayne Forrester, l'assassino di Facebook

Attenzione a come usate i social network, verrebbe da dire. L'assurda storia che vi raccontiamo proviene da Londra ed ha come protagonista Wayne Forrester, 34 anni, che ha ucciso a coltellate sua moglie rea di aver cambiato il suo profilo su Facebook da "sposato" a "single" dopo la separazione col marito.

Forrester ha ammesso di aver ucciso la moglie Emma - nella foto - accoltellandola ripetutamente alla testa ed al collo in preda ad un raptus di gelosia, sotto gli effetti di alcol e cocaina. La sua giustificazione è stata che la donna lo avrebbe ridicolizzato ed umiliato sul noto network sociale facendolo passare per uno sciocco. Che vedendola a posteriori è anche un complimento. L'uomo è stato condannato a 14 anni di carcere ed il giudice Brian Barker nella sentenza ha affermato che "non vi è possibile scusa o giustificazione" per il terribile atto. E ci mancherebbe.

Un nuovo modo per annunciare una rottura sentimentale, ma alla fine è la più vecchia delle storie. La tecnologia non cambia la natura umana, ma probabilmente la amplifica.

Via | BBC

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: