Dolce e Gabbana: stilisti assolti dall'accusa di evasione fiscale

Gli stilisti Dolce e Gabbana assolti dalla Cassazione: non hanno evaso il fisco.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana, i famosi stilisti Dolce e Gabbana, sono stati assolti dalla Cassazione dall'accusa di evasione fiscale. Mentre la Corte d'appello di Milano, lo scorso 30 aprile 2014, aveva inflitto ai due un anno e sei mesi di reclusione. E' stata la Terza sezione penale ad annullare, senza rinvio, la sentenza del tribunale di secondo grado lombardo.

Agli stilisti veniva contestata la presunta evasione fiscale realizzata con una 'estero-vestizione', ovvero la creazione - nel 2004 - di una società ritenuta fittizia in Lussemburgo, la Gado, per ottenere vantaggi sulle tasse. Assolti dalla Cassazione anche i manager Cristina Ruella e Giuseppe Minoni. Secondo la Suprema Corte, "il fatto non sussiste". L'unico per il quale la condanna è stata annullata, ma con rinvio, è Alfonso Dolce, fratello di Domenico. Poco male, però, perché l'intero processo va in prescrizione all'inizio di novembre. Annullate anche tutte le statuizioni civili.

E' la seconda volta che la Cassazione si pronuncia su questo argomento: nel 2011, infatti, aveva annullato i proscioglimenti accordati. E' stato assolto oggi pure il commercialista Luciano Patelli. Grande gioia, naturalmente, nell'entourage dei due stilisti. L'avvocato Massimo Dinoia: "Siamo soddisfattissimi, abbiamo vinto su tutta la linea".

Gli stessi Dolce e Gabbana hanno twittato: "Eravamo certi!! Siamo delle persone oneste!!! W' l'Italia". Al messaggio, è stato allegato un link al sito di un quotidiano che riportava la notizia e l'hashtag #orgogliosodiessereitaliano.

Dolce e Gabbana

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail