Roma, omicidio Raphael Cohen: arrestato un 44enne dipendente dell'Aise

OmicidioRafaelCohen

Svolta nelle indagini sull'omicidio di Rafael Cohen, il 74enne ucciso lo scorso 13 giugno nella guardiola del palazzo in via Lanciani a Roma in cui l'uomo risiedeva con la sua famiglia. I carabinieri del Nucleo Investigativo di via Selci hanno arrestato il presunto responsabile, un 44enne romano, incensurato e dipendente dell'Aise, l'agenzia informazioni e sicurezza esterna.

Si tratta dello stesso agente 007 su cui si erano concentrate le attenzioni degli inquirenti già nei mesi successivi al delitto. E il movente è la gelosia, collegata alle presunte molestie di Cohen nei confronti di una sua dipendente, amante del 44enne arrestato ieri. Scrive Il Messaggero:

lo 007 aveva un attaccamento morboso per la sua amante, dipendente dell'azienda della stessa famiglia Cohen e, quando è venuto a conoscenza di presunte molestie sessuali da parte di Cohen, è stato accecato dalla gelosia. Decise, quindi, di dare una lezione al Cohen aspettandolo fuori dall'azienda di famiglia e seguendolo fino all'androne di casa in via Lanciani, dove poi è maturata l'aggressione e l'omicidio, colpendolo al torace con un coltello monotagliente. Dopo l'omicidio, riuscì ad allontanarsi indisturbato dal luogo del delitto senza essere visto.



Ad incastrare lo 007 ci sarebbero molti elementi, a partire dai tabulati telefonici che lo hanno localizzato in via Lanciani al momento dell'omicidio. Il 44enne avrebbe anche cercato di depistare le indagini presentando, quella stessa sera, la denuncia di smarrimento della targa dello scooter, forse nel tentativo di costruirsi un alibi.

L'arma del delitto non è ancora stata ritrovata, ma in casa dell'uomo gli inquirenti hanno rinvenuto diversi coltelli, utilizzati per andare a caccia, simili a quello che sarebbe stato usato per uccidere il 74enne.

Il 44enne, già ingannato per omicidio volontario, ora si trova in carcere come disposto dal gip del Tribunale di Roma su richiesta del pm della Procura.

Via | Il Messaggero

  • shares
  • Mail