Rossella Urru libera: “pagato riscatto di 15 milioni”

Per la liberazione di Rossella Urru e degli altri due cooperanti spagnoli che erano stati rapiti insieme a lei sarebbero stati pagati 15 milioni di euro. Così ha detto alla France Presse un portavoce del Movimento per l'Unicità e il Jihad nell'Africa Occidentale: "abbiamo ricevuto 15 milioni di euro per il rilascio dei tre ostaggi e abbiamo anche ottenuto il rilascio di un combattente imprigionato dalla Mauritania”.

Di un riscatto si era parlato già nell’immediatezza del rilascio dei tre ostaggi rapiti a ottobre dell’anno scorso nell’Ovest Algeria, nella zona di Tunduf. Una testata online della Mauritania aveva parlato di una cifra oscillante tra i due e i tre milioni di euro.

Ieri sera Rossella Urru è arrivata all’aeroporto militare di Ciampino a Roma accolta, tra gli altri, dal premier Mario Monti e dai ministri degli Esteri e della Cooperazione. "A volte ho avuto paura - sono state le prime parole di Rossella - ma sono stata trattata bene. Ora sto bene, finalmente è finita".

La cooperante ha poi ringraziato tutti coloro che hanno "lavorato per riportarmi a casa". "Spero - ha continuato - di poter continuare a lavorare nella cooperazione, credo sia una cosa molto importante. Ho vissuto in prima persona il rischio, ma spero che questo non fermi me e tutto il resto della cooperazione".

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail